30 under 30: Un ricercatore di grafene e equestre competitiva


L'annuale Riunione del Premio Nobel di Lindau porta una ricchezza di menti scientifiche sulle rive del Lago di Costanza in Germania. Ogni estate a Lindau, decine di vincitori del premio Nobel si scambiano idee con centinaia di giovani ricercatori provenienti da tutto il mondo. Mentre i Nobelisti sono i nomi dei padiglioni, il contingente più giovane è un gruppo compiuto a pieno titolo.

L'annuale Riunione del Premio Nobel di Lindau porta una ricchezza di menti scientifiche sulle rive del Lago di Costanza in Germania. Ogni estate a Lindau, decine di vincitori del premio Nobel si scambiano idee con centinaia di giovani ricercatori provenienti da tutto il mondo. Mentre i Nobelisti sono i nomi dei padiglioni, il contingente più giovane è un gruppo compiuto a pieno titolo. Prima della riunione di quest'anno, che si concentra sulla fisica, stiamo profilando diversi partecipanti promettenti di età inferiore ai 30 anni. Il profilo di seguito è il 12 di una serie di 30.

Nome: Andre Wilmes
Età: 23
Nato: Lussemburgo
Nazionalità: Lussemburgo

Posizione attuale: assistente di ricerca e dottorato di ricerca studente, Imperial College London, Dipartimento di Aeronautica
Istruzione: Master in ingegneria aeronautica, Imperial College London

Qual è il tuo campo di ricerca?
La mia ricerca si concentra sullo sviluppo di metodi di modellazione multiscala e multiphysics per simulare la risposta strutturale e il comportamento alla frattura di composti e dispositivi basati su grafene. Attualmente viene utilizzato un MDFEM (Molecular Dynamics Finite Element Method) riformulato per studiare il potenziale e il design che una nuova classe di materiali compositi a base di grafene avrebbe (rispetto ai materiali compositi a base di fibra di carbonio).

Cosa ti ha attratto dalla fisica e in particolare da quell'area di ricerca?
Fin dalla tenera età, sono stato affascinato dalla scienza e dalla matematica. Mentre apprezzo veramente le scienze pure ei formalismi della matematica elegante, considero l'ultima sfida trovarsi nell'applicazione efficiente della nuova scienza in ingegnose implementazioni.

Dove ti vedi tra 10 anni?
Una posizione in un laboratorio avanzato di ricerca e sviluppo, che sia accademica, governativa o industriale, sarebbe una posizione da sogno. Dimostrare, ad esempio, la dimostrazione di progetti concettuali che impiegano progressi scientifici all'avanguardia costituirebbe un compito entusiasmante e gratificante. Il mio interesse personale è nel promuovere metodi di modellazione numerica a un livello in cui questi siano in grado di lavorare in parallelo con, se non prima, il lavoro sperimentale. Pertanto, i progetti di proof-of-concept potrebbero essere meglio ottimizzati prima della sintesi o della fabbricazione, con conseguenti notevoli riduzioni di tempo e costi.

Chi sono i tuoi eroi scientifici?
Non ho un particolare eroe scientifico. In generale porto una grande ammirazione per ogni ricercatore che abbia fatto un'impronta duratura su un'ampia gamma di discipline. Ad esempio, ammiro molti matematici e fisici come Eulero, Poincaré, Maxwell o Schrödinger. Anche se a causa dei miei interessi di ricerca, uno dei miei preferiti ricercatori attuali è Sir Konstantin Novoselov.

Se tu avessi risorse illimitate, che tipo di ricerca condurrai?
Date risorse illimitate, vengono in mente diverse aree di ricerca, di cui la produzione, la trasmissione e lo stoccaggio dell'energia sembrano più cruciali. Innanzi tutto, sosterrei tutti gli attuali sforzi per accelerare ulteriormente lo sviluppo della potenza di fusione disponibile in commercio. In secondo luogo, la ricerca verso una nuova generazione di batterie compatte molto più efficienti attira la mia attenzione.

Ti piacciono di più le attività al di fuori della fisica?
Sono un appassionato pilota di cavalli, avendo gareggiato in tutta Europa per oltre 10 anni nel salto ostacoli, nel dressage e soprattutto nella mia disciplina preferita: eventing. Sono venuto a giocare un po 'di polo presso l'Imperial College Riding e Polo Club, che ho presieduto per due anni. Nel 2008 sono arrivato secondo nel campionato inglese di dressage riding student (BUCS). Anche se recentemente si è ritirato dal mio cavallo da evento, rappresenterò ancora una volta il Lussemburgo nei prossimi Campionati mondiali di equitazione dell'Università del 2012 ad Aquisgrana, in Germania.

Cosa spera di ottenere dall'incontro di Lindau di quest'anno?
Considero tre opportunità inestimabili che gli incontri di Lindau offrono a qualsiasi giovane, appassionato ricercatore. Innanzitutto è la possibilità di interagire con i premi Nobel, che è intrinsecamente stimolante, gratificante e stimolante per chiunque sia coinvolto nella ricerca. In secondo luogo, gli incontri mettono in contatto giovani con la stessa mentalità da una varietà di background, il che può portare a sinergie per la futura ricerca collaborativa. In terzo luogo, dalla possibilità di interagire con i partecipanti e ascoltare le presentazioni scientifiche dei premi Nobel, mi aspetto inevitabilmente nuove idee per il mio lavoro.

Ci sono dei Nobelisti che sei particolarmente entusiasta di incontrare o di imparare a Lindau?
Due nobelisti hanno attirato la mia attenzione speciale. In primo luogo, sono interessato ad incontrare il Prof. Dr. Walter Kohn, il cui lavoro è fondamentale per la teoria del funzionale della densità. Quest'ultima è potenzialmente una direzione futura del mio lavoro. Allo stesso modo, non vedo l'ora di incontrare il Prof. Dr. Sir Harold Kroto, perché i fullereni e i composti derivati ​​da fullerene costituiscono un elemento fondamentale del mio attuale lavoro.

«Precedente
11. Simone Hamerla
30 anni 30:
Riunione del premio Nobel di Lindau
Il prossimo "
13. Vinamrita Singh

Leggi questo Next